COLD CASE: Omicidio di Perugia, Via la Pergola. Intervista con la criminologa Roberta Bruzzone sul caso ancora irrisolto della morte della studentessa inglese. In un passaggio l’intervista contiene un malinteso relativo agli indumenti indossati da Meredith.

In base alla domanda in effetti non è evidentemente risultato chiaro che gli indumenti di cui si parlava fossero quelli della vittima (Meredith Kercher) e non quelli di Rudi Guede.

Durante la conversazione emergono alcune interessanti posizioni della criminologa che contrastano nettamente con le osservazioni del Direttore del Dipartimento di Criminologia e Sociologia delle devianze presso il Centro Studi Criminologici, Claudio Mariani.

Buon ascolto.

Se vuoi acquistare il libro di Roberta Bruzzone puoi farlo da questo link

Trascrizione dell’intervista

Q – Cosa ne pensa della comunicazione che sembra ci sia in corso tra la Knox e Rudi Gued? Lui in una intervista alla Leusini ha fatto delle dichiarazioni che poi ha anche…

A – Il grosso problema è che le dichiarazioni che lui ha fatto dalla Leusini non le ha mai fatte durante la vicenda giudiziaria. La sicurezza con cui da Franca Leusini lui indica nella Knox e in Sollecito le persone viste nell’abitazione non è stata tale durante i vari gradi di giudizio. E questo è un pò il problema di Guede che ha raccontato un po di cose discutibilli e considerate non fondate dal punto di vista giudiziario. Il problema enorme di questa vicenda è anche in parte stato cagionato proprio dalla figura di Guede che ha raccontato cose che non stavano ne in cielo ne in terra.

Q – Però in fin dei conti la Cassazione a Guede lo ha condannato, o meglio scusi non la Cassazione ma è stato condannato in concorso.

A – Il grosso problema, le posso dire una cosa in tutta franchezza avendo analizzato il caso, c’ho anche scritto un libro, conosco bene ho anche tutta la documentazione e quant’altro, posso dirle una cosa? Che sicuramente questo è un omicidio sicuramente commesso da due persone, sul punto sono sempre stata dell’idea che Meredith Kercher è stata trattenuta da un soggetto mentre l’altro insomma abusava di lei mentre un altro le cagionava la morte con le due lesioni particolari che sappiamo, una delle due in particolare. Io sono dell’idea che sulla scena ci fossero due persone, una di queste due è sicuramente Rudi Guede, e questa è pacifica la situazione, lui potrà dire quello che ritiene ma…il contesto probatorio non lascia spazio sulla sua posizione…

Q – …lo ha detto lui stesso che…

A – …l’altro soggetto è al momento ignoto…

Q – …quindi c’è una persona che….

A – …verosimilmente si, assai verosimilmente si, che poi sia stata la Knox secondo i giudici non è possibile stabilirlo oltre ogni ragionevole dubbio, badi bene, nella sentenza finale, quella che assolve sostanzialmente…cioè annulla senza rinvio la condanna bis, i giudici di cassazione, dell’ultima cassazione per intenderci, scrivono a chiare lettere che loro sono certi che la Knox fosse nell’abitazione durante l’omicidio. Non riescono a collocarla dentro la stanza ma si dicono certi della sua presenza nell’abitazione e parlano in termini di certezza sostenendo che lei era sicuramente li perchè lei stessa si colloca li. Qui veniamo al punto, la Knox viene condannata per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba …

Q – Ma quando si colloca lei? Nel diario? Lei si colloca nella scena del delitto quando scrive il diario?

A – Lei si colloca quando scrive il memoriale ma anche quando riferisce ai poliziotti della questura nella notte tra il 5 e il 6 novembre.

Q – Però poi lo nega…

A – Lei potrà anche negarlo ma quello che scrivono i giudici lo sappiamo anche leggere.

Q – Lei tutt’oggi lo sta negando…lei oggi lo sta negando…

A – Lei può anche negare quello che le pare, è un indagata anzi è stata un’imputata per omicidio e ha piena facoltà di mentire, il nostro ordinamento, il codice italiano questo lo concede ampiamente. Per cui può continuare a farlo senza problemi, non è che sposti granché dal punto di vista giudiziario, qui c’è stato un balletto di versione proprio dall’inizio …non sarebbe questo un problema, o mentiva prima o mente dopo poco rileva ormai visto che la vicenda giudiziaria si è conclusa.

…continua audio

Visto che si qui...

… chiediamo ai nostri lettori di contribuire e supportare il nostro modo di fare giornalismo. A differenza di molti vogliamo continuare a offrire gratuitamente i nostri articoli.

Supporta Sardinia Enquirer con un euro che puoi inviare direttamente con paypal o con una carta di credito. Il tuo contributo ci aiuta a mantenere le nostre investigazioni autonome e libere da pressioni economiche. CLICCA QUI PER SUPPORTARE

Grazie.