PORTO DI OLBIA PRESIDIO SOSPESO

0
85
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

OLBIA – Fonti ufficiali negano azioni di boicottaggio da parte dell’autorità portuale e negano anche quelle di prevenzione di eventuali problemi di ordine pubblico. <<E’ stata la Sinergest a mettere i blocchi di cemento all’ingresso del parcheggio usato ieri notte dai pastori>> fa sapere una fonte riservata <<Esiste un’ordinanza dell’autorità marittima che prevede la chiusura dei parcheggi, per questo sono stati chiusi, era in vigore anche ieri e lo sarà pure domani. Solo che ieri non volevamo chiudere i pastori dentro visto che avevano già parcheggiato e nemmeno intrometterci durante la loro protesta.>> fa sapere un esponente dell’autorità marittima. Che lo abbiano fatto per prassi oppure spinti da un problema di ordine pubblico, i tanti pastori che avevano presidiato ieri l’ingresso del porto anche con le loro vetture, oggi sono solo passati, constatando l’impossibilità della sosta per poi andare via. Al posto del “Check Point” dei pastori oggi solo lo spazio per uno degli uomini della sicurezza portuale e per la sua vettura. L’evidente problema di parcheggio potrebbe essere uno dei motivi della sospensione del presidio cosi’ come gli accordi presi con il ministro Salvini. Ipotesi tra le quali si insinua una sola certezza per oggi: tra gli altri, un tir della Sterilgarda (azienda attiva nella produzione di latte e di derivati) si imbarca come di consueto. Sterilgarda detiene l’8% della Padania Alimenti S.r.l. che produce il latte Auchan, Carrefour, Bella e Coop, e oltre a questi produce e commercializza latte no logo tramite Esselunga nonché latte Epiù. ORE 19.50